Luoghi Narranti Colliano

Colliano

Borgo Antico di Colliano e Collianello

Quando nel IX secolo d.C. gli attacchi da parte delle popolazioni barbariche divennero sempre più frequenti e devastanti, gli abitanti dei villaggi insediatisi nella zona pianeggiante decisero di spostarsi verso le zone rocciose più alte, luoghi che potevano garantire loro maggiore tranquillità da razzie e dalle guerre.

In questo modo il Comune di Colliano assunse, analogamente a quanto era accaduto per altri piccoli centri della zona, la particolare struttura di paese arroccato sulla roccia”, per cui ancora oggi è famoso.colliano01

Testimoni del felice periodo medievale restano il borgo antico di Colliano e Collianello, dove è possibile ammirare tra caratteristiche stradine e scale tipiche del borgo una serie di palazzi gentilizi. Infatti, segno della passata dominazione normanna è il Castello Normanno, intorno a cui si era sviluppato l'antico Borgo medievale risalente al XI secolo. Del castello si conservano, purtroppo, solo la cinta muraria e le torri; evidenti, inoltre, sono i segni del muro con le varie porte che attraversavano l'abitato. Altri “gioielli” da ammirare che sono sempre custoditi nel centro storico di Collianello e che meritano di essere visitati sono la Chiesa di San Maria del Borgo, la Chiesa di San Martino eretta tra la fine del XV e l’inizio del XVI secolo sui resti della Cappella dedicata a San Martino di Tours, conserva alle spalle dell’altare maggiore una nicchia contenente la statua del santo. La chiesa, adagiata su un blocco di pietra calcarea, fu edificata utilizzando materiali molto simili all’orografia naturale, tanto da confondersi con essa, ed è costituita da un’unica navata e da un campanile esterno che si prospetta sulla piazzetta principale del paese.

Partendo da questo borgo da favola, se la nostra mente ha ancora bisogno da evadere dalle preoccupazioni della vita quotidiana, il modo ideale per caricarsi e tuffarsi nella natura percorrendo i rigogliosi sentieri che dalla frazione si snodano.

colliano02Tra questi innanzitutto gli itinerari che costeggiano le pendici del Monte Marzano, fonte di richiamo per gli amanti della natura, qui ricca di faggi e ontani, dove è particolarmente piacevole sostare nelle aree attrezzate di piano di Pecora o passeggiare lungo il Sentiero del Brigante riadattato di recente.

A Colliano capoluogo, invece, va ricordata la Chiesa dei SS Apostoli Pietro e Paolo, di origine duecentesca ed il Palazzo Borriellio.

Va segnalato, tra l'altro, il rinvenimento, in località San Vito, di Cippi funerari, del III secolo d.C., attualmente collocati nel giardino pubblico di viale Terlizzi.

In località San Vittore, inoltre, sono stati riportati alla luce un'Urna Cineraria in pietra del I secolo d.C., oggi conservata nell'atrio della scuola elementare San Vittore, ed una Croce Litica del XVI secolo, conservata anch'essa nel giardino pubblico di viale Terlizzi. In località San Vittore, inoltre, sono stati riportati alla luce un'Urna Cineraria in pietra del I secolo d.C., oggi conservata nell'atrio della scuola elementare San Vittore, ed una Croce Litica del XVI secolo, conservata anch'essa nel giardino pubblico di viale Terlizzi.