Progetto

Progetto

MARE DENTRO - Festival 2016 itinerante lungo il Sele

 

Il Sele d'Oro è una proposta culturale nata dal bisogno di recuperare l'identità collettiva del territorio di riferimento in una prospettiva di contemporaneità. Non a caso il percorso culturale prende il via negli anni della ricostruzione post sismica, in un territorio violentemente colpito dal terremoto del 1980, come reazione a processi di appiattimento culturale che minacciavano di minare, e forse cancellare definitivamente, il patrimonio culturale condiviso di intere comunità locali. La logica di intervento è sempre stata e sarà quella di valorizzare la risorsa cultura, le tipicità e le eccellenze, anche enogastronomiche,  quale strumento di appartenenza e di promozione del comprensorio omogeneo della Media e Alta Valle del Sele, ricco di emergenze culturali a forte potenzialità turistica.

Attraverso la scelta prioritaria dello strumento della cooperazione tra soggetti diversi, si mira a superare la dimensione locale, non solo nella capacità di attrazione di flussi turistici, ma anche nella metodologia di organizzazione di offerte locali miranti a target specificamente definiti, contribuendo a rafforzare la conoscenza complessiva della “destinazione Campania” e degli elementi peculiari presenti sul territorio regionale presso i mercati interni ed internazionali.

E grazie all’integrazione fra il circuito di beni culturali e le tante attività che saranno intraprese, il perseguimento di queste finalità appare particolarmente e concretamente perseguibile.

 

Nato come manifestazione culturale votata alla promozione del territorio, in oltre un trentennio di storia il Premio Sele d’Oro ha scelto di porsi come un mix equilibrato di approfondimento culturale e spettacolo, con l’obiettivo di aumentare la conoscenza dell’intero territorio omogeneo del Sele-Tanagro, aumentando l’appeal presso il grande pubblico e gruppi selezionati di opinion leader.

 

Il Sele d’Oro, a più voci definita uno tra gli eventi più rilevanti dell’intera Campania, è dunque, un appuntamento annuale, una voce importante che pone un focus sull'evoluzione economica, politica, sociale e culturale dell’intero Sud, generando instancabilmente spunti di riflessione, idee innovative e inviti al dialogo tra culture che hanno favorito lo sviluppo dell'intero Mezzogiorno. Quella che prima poteva considerarsi una sfida da vincere oggi è una realtà consolidata che spicca nel panorama culturale di un Sud in movimento, che vuole emergere nonostante venti di crisi economica continuino a soffiare sul Bel Paese. Bisogna ripartire dalla conoscenza e dalla voglia di cambiamento delle giovani generazioni come già ampiamente dimostrato dalla storia del Premio che è riuscito a valorizzare le migliori menti del territorio.

 

Per l’edizione 2016 è prevista una serie di appuntamenti dedicati alla cultura, alla musica, al teatro, alla formazione seminariale e all’orientamento, oltre che a convegni con testimonial di primo piano. Come la precedente edizione, l’Ente Premio Sele d’Oro Mezzogiorno e il Comune di Oliveto Citra (Capofila del Progetto) in partenariato con ben 9 comuni – Campagna, Capaccio-Paestum, Colliano, Laviano, Santomenna e Valva della provincia di Salerno; Caposele, Calabritto e Senerchia della provincia di Avellino – promuove un’iniziativa che prevede il coinvolgimento, non solo del territorio olivetano, ma dell’intera zona dell’Alto e Medio Sele.

Una sorta di percorso che utilizza le leve delle rispettive colture agricole, del territorio, della cultura, della musica e delle attività artistiche al fine di mostrare le eccellenze del proprio territorio con i propri Beni e le proprie tradizioni, attirando, si spera, quote sempre più cospicue del mercato verso il consumo del prodotto turistico locale, raccontato e interpretato dall’arte, dalla cultura e dalle tradizioni. L'auspicio è che si possa contribuire concretamente al miglioramento del prodotto turistico provinciale e regionale.

 

I segmenti in cui è organizzato l’Evento sono:

a. “Luoghi narranti”: libere visite alle location d’arte e cultura del territorio.

b. “Palcoscenici d’Autore”: realizzazione di momenti d’arte e spettacolo nei borghi antichi dei comuni  partner, incentrati su espressioni artistiche di qualità. Attraverso il teatro d’autore anche nella forma del monologo e/o del recital e la musica di qualità, anche nella forma dell’esibizione acustica.

 

 

I luoghi dei nostri paesi parlano e il territorio si racconta come un itinerario narrativo o poetico: custodisce memorie, muta, si veste di storie. Presente, passato, futuro. La terra in cui viviamo è dentro e fuori di noi in ogni momento della vita: la percorriamo, la osserviamo, la assaporiamo, la respiriamo. E' simbolo, luogo della mente e delle emozioni, racconto della nostra realtà.


Questo sito utilizza cookie per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione dedicata. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.
EU Cookie Directive plugin by www.channeldigital.co.uk